La storia del nostro logo

Cosa accade quando si lasciano fogli e colori ad un bambino? 🎨
Cosa accade se i colori si mescolano a caso, senza regole, senza un ordine?
Accade che, un po’ come quando si gioca a dare la forma delle nuvole, si libera la fantasia; accade che, da un miscuglio di colori, si intraveda un fiore🌸, un leone e poi ancora un cavallo alato .. sì alato, un delfino, il sole oppure.. la chioma di un albero. 🌳

Quando abbiamo scelto il nome “albero spettinato” dovevamo cercare un’immagine che lo rappresentasse, che suscitasse qualche emozione, evocando forza, solidarietà ma anche leggerezza e allegria.

Ed ecco che dall’impronta di una piccola manina 🖐🏼 di un bimbo di 3 anni sono nati i rami 🌱; dalla sua fantasia sono nate le foglie 🍃, spettinate dal forte vento che in quel momento, nella sua immaginazione, era il pennello che quel bimbo muoveva qua e là sul foglio ripetendo “sono un artista!”. 👨🏼‍🎨
“Eh sì sei proprio un artista piccolino! Come lo è ogni bambino!”

E infine il tronco: una mamma e un bambino. Le radici ancorate alla terra a ricordare la forza che possiede ogni genitore; una mano che sostiene, l’altra rivolta in alto, assieme allo sguardo che punta alle meraviglie dei colori 🌈, a ricordare quanta bellezza possa trasmettere ognuno di noi, anche nella quotidianità, anche nelle difficoltà e a qualunque età.. anche a tre anni! 🌞💫

Ti è piaciuto?  Condividilo sui social network

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest